Come addestrare un pitbull

Se hai aperto questo post sperando di trovare la ricetta magica, mi dispiace deluderti, non esiste! Non esiste una formula perfetta sul come addestrare un cucciolo, consigliamo sempre di rivolgersi ad un esperto. Vediamo però quali sono le basi per avere un rapporto sano in modo da avere tutti i prerequisiti necessari per poter addestrare un cucciolo adeguatamente.

Come abbiamo sempre detto, alla base della cattiva fama del Pitbull ci sono eventi e fatti di cronaca scaturiti da una mancata educazione del cane. Nel 99,99% dei casi infatti un pitbull che combina guai è un cane con un proprietario disinformato e che ha preso troppo alla leggera l'educazione e l'addestramento del suo compagno a 4 zampe. Vediamo quindi quali sono i presupposti per un educazione e un addestramento adeguati di questo cane.

Quando cominciare ?

Subito, ora, immediatamente, ma anche prima, tipo ieri. L'ideale è cominciare da cuccioli ma se ad esempio si adotta un esemplare adulto si farà un po' più di fatica ma i risultati arriveranno comunque, l'importante è mettersi subito al lavoro. Impartire ordini e mettere in chiaro spazi e gerarchia è essenziale con un Pitbull. L'addestramento di un pitbull non è molto diverso da quello di qualunque altro cane, c'è da tenere conto però che per via della sua genetica e del suo carattere spiccatamente dominante, c'è bisogno di una straordinaria attenzione alla coerenza dei comandi e alla costanza.

 

L'importanza degli spazi

Contrariamente a quanto qualcuno crede, dimostrare al cane il vostro affetto non comprende l'acquisto di pigiamini o accessori di moda, ma si compone di piccoli gesti che il cane possa comprendere. è importante che fin da cucciolo il pitbull abbia a disposizione un suo spazio che sia unicamente suo. Questo lo farà sentire integrato nel branco (famiglia), amato e rispettato. Il suo spazio non deve essere isolato dal resto della famiglia ma deve trattarsi di un "rifugio" dove nascondersi se si sente impaurito o dove rilassarsi. L'ideale sarebbe che la cuccia o ancora meglio il kennel, a lui dedicato, sia in uno spazio dove la famiglia trascorre molto tempo in modo da farlo sentire coinvolto anche quando vuole stare un po' sulle sue.



 

La socializzazione

La socializzazione di un cucciolo è essenziale per un corretto sviluppo comportamentale. Non tutti però comprendono a pieno il significato di socializzazione.  Il concetto è che il cucciolo impari a tollerare la vita all'interno della società umana , cioè rumori odori persone e cani. Il pitbull come già detto è un cane con un carattere molto dominante, quando arriverà a maturità sarà complicato farlo socializzare sopratutto con i suoi simili. Un cane ben socializzato da cucciolo sarà più gestibile e più incline a ben sopportare situazioni nuove.

Ci teniamo a sottolineare però, che un pitbull in standard, da adulto difficilmente sarà propenso a tollerare altri cani, mentre invece sarà molto disponibile ed aperto con le persone a patto che abbia avuto una buona socializzazione da cucciolo.

Attenzione: prima di applicarsi ad una socializzazione sfrenata del cucciolo è buona norma far valutare il cucciolo da un addestratore esperto, che valuterà la tempra e il carattere del cucciolo.

 

Il cibo

Il cibo è un buon tramite per addestrare il cane se usato come stimolo. Il bocconcino però non dev'essere l'unico motivo per cui vi ascolta, iniziate l'addestramento con il premio dopodiché sostituitelo con una carezza e infine con un cenno o una parola di approvazione. Il pasto è anche un ottimo modo per ribadire la gerarchia, è importante infatti far mangiare il cane dopo la famiglia in modo da stabilire chi è a capo del branco.


Il padrone capobranco e maschio alfa

Ultimo punto ma non per importanza è la leadership. Avere un rapporto ben definito con il proprio cane è essenziale ancora prima di ogni altra cosa, non c'è infatti addestramento o educazione possibile se il pitbull non vi vede come un leader. Evitate categoricamente di farvi dominare, chiari tentativi di dominarvi sono:

  • Entrare ed uscire di casa prima di voi
  • Cercare di salire sul divano o sul letto per dormire
  • Ringhiarvi se vi avvicinate mentre mangia
  • "Montarvi" la gamba
  • Urinarvi addosso

Sembreranno cose da poco ma in queste occasioni si può verificare l'opinion e che il cane ha di voi.

2 commenti:

  1. Giancarlo Spadacini

    …bah, direi che siamo ancora alla pietra focaia (in primo luogo) della comprensione etologica di un cane, della sua “socialità” e del concetto di leadership “domestico” (gruppo famigliare misto uomini&cani)
    e (in secondo luogo) in quella di un terrier di tipo bull come il pitbull

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Continua a leggere